Logo Catone Srl

La Catone Casa Srl opera nel mercato immobiliare da circa 10 anni, realizzando manufatti prevalentemente nella città metropolitana di Firenze, sia nell’hinterland che nel centro storico.

I NOSTRI CONTATTI

Viale Belfiore 50, 50144, Firenze

+39 055 986 7277

info@catonecasa.it

© 2024 Catone Casa Srl - All rights reserved.
Tasse vendita casa a Firenze: cosa sapere

Tasse vendita casa a Firenze: cosa sapere

Vendere un immobile a Firenze, come nel resto del Paese, comporta una serie di obblighi fiscali e burocratici che possono rendere il processo complesso. Questa guida intende aiutarti a navigare tra le varie tasse, imposte e agevolazioni che possono influenzare la vendita di una casa, facilitando la comprensione e la gestione delle procedure.

Partiamo e scopriamo insieme le tasse per la vendita di una casa a Firenze e in Italia!

Modalità di pagamento delle tasse per la vendita della casa

Regime di tassazione ordinaria

Il regime di tassazione ordinaria permette di calcolare le tasse sulla vendita della casa utilizzando le aliquote IRPEF, suddivise in scaglioni di reddito. La plusvalenza, ossia il guadagno ottenuto dalla vendita dell’immobile, viene tassata direttamente in dichiarazione dei redditi sotto la voce “redditi diversi”. Le aliquote IRPEF sono:

  • 23% per redditi fino a 15.000 euro
  • 27% per redditi tra 15.001 e 28.000 euro
  • 38% per redditi tra 28.001 e 55.000 euro
  • 41% per redditi tra 55.001 e 75.000 euro
  • 43% per redditi oltre 75.001 euro

Imposta sostitutiva

In alternativa, il venditore può optare per l’imposta sostitutiva, che prevede un’aliquota fissa del 26% sulla plusvalenza. Per richiedere questa modalità di tassazione, è necessario un atto notarile, che comporta ulteriori costi per le pratiche con l’Agenzia delle Entrate.

Tasse sulla vendita della casa: quando bisogna pagare

Vendita entro 5 anni dall’acquisto

Se la vendita avviene entro cinque anni dall’acquisto, il pagamento delle tasse è obbligatorio per prevenire speculazioni immobiliari. La plusvalenza viene tassata secondo il regime scelto (ordinario o sostitutivo).

Potrebbe interessarti sapere come dare valore al tuo immobile prima di venderlo!

Vendita dopo 5 anni dall’acquisto

Se l’immobile è stato posseduto per più di cinque anni, il venditore è esente dal pagamento delle tasse sulla plusvalenza. Questa esenzione mira a incentivare il possesso a lungo termine delle proprietà.

Altre tipologie di vendita e tasse

Esistono ulteriori circostanze in cui non è necessario pagare le tasse sulla vendita della casa:

  • Acquisto tramite successione ereditaria
  • Acquisto tramite donazione
  • Utilizzo dell’immobile come residenza principale per oltre metà del tempo di possesso

Vendita prima casa: le imposte da pagare

Tasse per la vendita della prima casa

Dopo 5 anni

La vendita della prima casa dopo cinque anni dall’acquisto non comporta il pagamento delle tasse sulla plusvalenza. Se l’acquirente ha usufruito delle agevolazioni per la prima casa, queste non vengono revocate.

Potrebbe interessarti conoscere le classi energetiche di un immobile, importanti per la vendita!

Prima dei 5 anni

La vendita della prima casa entro cinque anni dall’acquisto comporta il pagamento delle tasse sulla plusvalenza, a meno che l’immobile non sia stato la residenza principale per la maggior parte del tempo o sia stato acquisito tramite successione o donazione.

In caso di agevolazioni per la prima casa, queste vengono revocate e si dovranno pagare le imposte di vendita.

Costi notarili e di registrazione

I costi di registrazione e notarili per la vendita della prima casa tra privati includono un’imposta di registro del 2% del prezzo di acquisto o del valore catastale, oltre a 50 euro per l’imposta ipotecaria e 50 euro per quella catastale.

Vendita seconda casa: le imposte da pagare

Dopo 5 anni

La vendita della seconda casa dopo cinque anni dall’acquisto non comporta il pagamento delle tasse sulla plusvalenza.

Prima dei 5 anni

La vendita della seconda casa entro cinque anni comporta il pagamento delle tasse sulla plusvalenza, tassata secondo il regime scelto (ordinario o sostitutivo).

Costi notarili e di registrazione

Per la vendita della seconda casa, l’imposta di registro è del 9% del prezzo di acquisto o del valore catastale, oltre a 100 euro per le imposte ipotecaria e catastale.


Ti sei mai chiesto come sarà la casa del futuro?

Scopri una panoramica sulle tipologie di case e come si stanno muovendo i progettisti.

La casa del futuro a Firenze tra sostenibilità e innovazione

 

COME SARÀ LA CASA DEL FUTURO


Tasse di vendita di un immobile ereditato: come funzionano?

Dichiarazione di successione

La vendita di un immobile ereditato richiede la dichiarazione di successione. Se l’immobile viene venduto entro cinque anni dall’acquisizione, non si paga la plusvalenza. Dopo cinque anni, l’immobile è comunque esente da tasse sulla plusvalenza, seguendo il metodo del prezzo-valore.

Calcolo delle imposte

Le imposte per la vendita di un immobile ereditato sono calcolate utilizzando il metodo del prezzo-valore, che prende in considerazione il valore catastale rivalutato. Questo metodo può ridurre significativamente l’imponibile rispetto al valore di mercato.

Cosa sapere per vendere una casa a Firenze

La vendita di una casa a Firenze comporta una serie di obblighi fiscali che richiedono una pianificazione accurata. Conoscere le varie imposte e le possibili esenzioni può aiutare a gestire meglio la transazione. È sempre consigliabile consultare un notaio o un consulente fiscale per avere una valutazione precisa delle tasse dovute e per garantire il rispetto delle normative vigenti.

Se vuoi vendere la tua casa a Firenze puoi contattare i nostri consulenti di Catone Casa: acquistiamo noi il tuo immobile e facciamo una valutazione coerente con la tipologia dell’immobile.

Mettiti in contatto con Catone Casa